Benvenuto nel sito del giardino storico

Benvenuto nel sito del giardino storico

Benvenuto nel sito del giardino storico

Benvenuto nel sito del giardino storico

XXIX CORSO DI AGGIORNAMENTO SUL GIARDINO STORICO E SUL PAESAGGIO CONTEMPORANEO
GIULIANA BALDAN ZENONI POLITEO 2019
Aspetti letterari, storici, filosofici, architettonici, economici, botanici e ambientali
 
 
Dire la storia, comporre col cambiamento. Il paesaggio e il giardino come racconto
dedicato a Emanuela Briani Cagnin, artista di giardini e labirinti
 
 
giovedì, 24 GENNAIO 2019, ore 16, Complesso Didattico di Biologia e Biomedicina Fiore di Botta,
aula A, primo piano, via del Pescarotto 8, Padova
 
 
 
 Roberto Burle Marx. Uno sguardo trasversale sul paesaggio 
FRANCO PANZINI – Università IUAV di Venezia
 
foto di Franco Panzini
 
ROBERTO BURLE MARX, il più conosciuto paesaggista del XX secolo, è stato ampiamente apprezzato per la capacità di esaltare nei suoi giardini le caratteristiche floristiche del suo paese natale – il Brasile – e di introdurvi espliciti motivi derivati dall'arte pittorica. La presentazione punta a mostrare come il mondo di riferimento di Burle Marx sia assai più ampio e come nella sua opera si ritrovino anche espliciti riferimenti alla tradizione storica del giardino italiano e francese. Burle Marx costituisce un esempio di paesaggista colto, capace di cogliere suggestioni diverse e di compendiare nei suoi progetti la vitalità dell'ambiente naturale brasiliano con la storia della cultura del "fare giardino". Interpretando così pienamente la vera essenza del suo paese, nella mescolanza delle influenze culturali che ne contraddistinguono la originale identità.
 
FRANCO PANZINI è architetto e paesaggista, iscritto all'AIAPP.
È stato docente di architettura del paesaggio presso varie università italiane e straniere e ricercatore residente presso l'Istituto di studi di storia del paesaggio e del giardino di Dumbarton Oaks, Washington (Harvard University).
Ha pubblicato numerosi libri sulla storia dei giardini e degli spazi verdi urbani, fra cui i volumi: Per i piaceri del popolo. L'evoluzione del giardino pubblico in Europa dalle origini al XX secolo, Zanichelli, 1993; Giardini delle Marche, Federico Motta, 1999; Progettare la natura, Zanichelli, 2005, edizione ampliata in lingua portoghese, Projetar a natureza, Senac - São Paulo, 2013.
È recentemente uscito il volume da lui curato Prati urbani. I prati collettivi nel paesaggio delle città, Fondazione Benetton Studi e Ricerche – Antiga Edizioni, 2018.
Fra i suoi saggi più recenti: Pines, Palmes and Holm Oaks: Historicist Modes in Modern Italian Cityscapes, in Modernism and Landscape Architecture, 1890–1940, National Gallery of Art-Yale University Press, 2015; Working with Architects: Collaborations, 1937-60, in Pietro Porcinai and the Landscape of Modern Italy, Ashgate, 2015; Las Geometrias del Agua in Burle Marx. Paisajes del Agua, TC Cuadernos, 2015. Ha redatto la sezione dedicata alle Marche del volume L'Italia dei giardini. Viaggio attraverso la Bellezza tra Natura e Artificio, Touring Club – APGI, 2016.
È rappresentante regionale per la APGI (Associazione Parchi e Giardini d'Italia); membro del comitato direttivo dell'Associazione Pietro Porcinai; membro del consiglio di redazione della rivista "Studies in the History of Gardens & Designed Landscapes".
    
 
Il flash prima della lezione, 16-16.30
 
SERGIO MUTTO ACCORDI - Università di Padova presenta il libro L'albero. Vita e morte di un immortale, 2018, edizioni AltraVista, che ha scritto per farci conoscere le caratteristiche e i ruoli ecologici di questi silenziosi "compagn" di vita, generalmente incompresi e maltrattati.