Benvenuto nel sito del giardino storico

Benvenuto nel sito del giardino storico

Benvenuto nel sito del giardino storico

Benvenuto nel sito del giardino storico

XXXIII CORSO DI AGGIORNAMENTO SUL GIARDINO STORICO
E SUL PAESAGGIO CONTEMPORANEO GIULIANA BALDAN ZENONI POLITEO 2023 
Gruppo Giardino Storico-Università di Padova
Aspetti storici, paesaggistici, letterari, architettonici, economici, botanici e ambientali
Paesaggio e energia: dalla storia alle sfide del presente
 
FEBBRAIO 2023, ore 17
 piattaforma ZOOM dell’Università di Padova
 
Tavola rotonda
Le fonti energetiche rinnovabili e il loro sviluppo in equilibrio con i temi ambientali
LORENZO BATTISTI - Università di Trento, Dipartimento di Ingegneria Civile Ambientale e Meccanica
GIUSTINO MEZZALIRA - Direttore direzione Innovazione e Sperimentazione Veneto Agricoltura
TOMMASO MORBIATO - R&D Head e CEO di Windcity
GIANNI SILVESTRINI - Direttore scientifico Kyoto Club
coordina ANTONELLA PIETROGRANDE - Gruppo Giardino Storico Università di Padova

Macchina Idraulica, Fra Giocondo, Ve, 1511
 

A commento delle generali indicazioni verso una transizione energetica che vede le fonti rinnovabili protagoniste del processo di progressiva sostituzione delle fonti fossili, l’intervento tratta alcuni aspetti di importante limitazione tecnica di tale processo. In particolare verranno discussi i reali margini di miglioramento dei rendimenti di conversione energetica (impianti a fonti rinnovabili e fossili) e l’effetto di una necessaria maggiore potenza installata richiesta a seguito dell’intermittenza delle fonti rinnovabili. Di seguito verranno discussi tali effetti sull’indice di occupazione del territorio.

Lorenzo Battisti
 
Il legno è la fonte di energia rinnovabile più antica e tuttora è la più utilizzata in Italia ed Europa. Il legno a uso energetico può essere ricavato dai boschi, da piantagioni specializzate o da sistemi agroforestali. Nel caso dell'Europa, in cui vigono rigorose norme di gestione forestale e in cui molte foreste sono certificate per la gestione sostenibile, l'uso del legno a fini energetici contribuisce alla gestione dell'ambiente e del paesaggio e genera ricchezza e lavoro in aree spesso marginali.
Le moderne tecnologie permettono di bruciare la legna (nella forma di legna da ardere, legno cippato e pellet) con elevata efficienza e con ridottissime emissioni, contribuendo in modo sostanziale alla transizione energetica.
Giustino Mezzalira
 
Le due anime del vento. La vicinanza a noi della risorsa eolica e le sue conseguenze. Imparare a raccogliere energia guardando le mappe dei venti. Le tecnologie per convertire energia dai venti e le loro relazioni con la Terra. Spunti per la transizione energetica.
Tommaso Morbiato
 
La necessità di una forte accelerazione del contributo delle fonti rinnovabili (in Italia oltre il 70% della domanda elettrica al 2030) pone con forza il tema del loro inserimento nel territorio. Alcune novità tecnologiche e normative - dall'eolico offshore flottante, all'agrivoltaco, alle comunità energetiche - fanno ritenere che si possano raggiungere obiettivi climatici ambiziosi con una trasformazione controllata del territorio.
Gianni Silvestrini
 
Come Gruppo Giardino Storico-Università di Padova abbiamo programmato questa tavola rotonda di esperti di risorse energetiche, perché pensiamo sia necessaria una divulgazione scientifica di questa materia complessa, dal momento che è ormai urgente trasformare i modelli e i comportamenti tradizionali di produzione e di consumo, anche individuali, orientandoli verso l’espansione delle fonti energetiche rinnovabili, ma anche verso una sobrietà energetica. Abbiamo naturalmente scelto di affrontare l’argomento dal punto di vista che ci contraddistingue, quello della formazione di una coscienza paesaggistica, e quindi come coordinatore della tavola rotonda stimolerò i relatori proprio su questo terreno: la produzione di energia rispetto al paesaggio.
Antonella Pietrogrande
 

LORENZO BATTISTI è professore associato di Macchine a Fluido presso l’Università di Trento dove dirige il Laboratorio di Macchine. Laureato in Ingegneria Meccanica, ha conseguito un master post-laurea presso il von Karman Institute for Fluid-Dynamics e un dottorato sul tema delle turbine eoliche funzionanti nei climi freddi. La sua attività scientifica è focalizzata nel settore delle turbine a gas, dell’energia eolica e idroelettrica, con particolare attenzione alle analisi sperimentali. È autore di numerosi articoli scientifici su riviste internazionali e di volumi, scritti singolarmente o in collaborazione con colleghi di varie università italiane e straniere e con il suo gruppo di ricerca (Università degli Studi di Trento), dedicati in particolare alle turbine eoliche ad asse verticale e orizzontale, al mini-eolico e alle turbine idrocinetiche. L’ultimo volume, Gli impianti motori eolici, Città Studi Edizioni (2022) ISBN 9788825174465, si avvale di molti esempi maturati dall'esperienza del campo eolico sperimentale dell’Università di Trento, un centro di prova di piccole turbine eoliche (fino a 20 kW) operante dal 2006.

GIUSTINO MEZZALIRA Sono nato a Vicenza nel 1957, residente a Bressanvido (VI) e dopo aver frequentato il Liceo Scientifico G.B. Quadri di Vicenza mi sono laureato in Scienze Forestali all’Università di Padova nel 1982. Vanto 40 anni di attività professionale, sia come funzionario pubblico (1986 - 1999 presso l'Azienda Regionale delle Foreste del Veneto e, dal 2008, presso Veneto Agricoltura) sia come libero professionista (anni 1982-1986 e 1999-2008).
In campo forestale, la mia attività ha riguardato principalmente i temi della vivaistica forestale, delle attività forestali nelle aziende agricole, della rinascita delle foreste di pianura, della gestione delle foreste demaniali e della valorizzazione del legname di origine locale.
Nella vita professionale oltre che di attività forestali mi sono occupato anche di numerose altre tematiche tra cui studi faunistici, agricoltura sostenibile, gestione delle risorse idriche, energie rinnovabili, conservazione della biodiversità.
Ho sempre dedicato molta attenzione alle attività divulgative, scrivendo sulle principali riviste italiane del settore ed intervenendo come relatore ad oltre 1.000 conferenze e workshop.
Ho ideato e diretto per vari anni alcune delle principali manifestazioni italiane sulle filiere forestali (Forlener, Bosco e Territorio) e la rivista “Alberi e Territorio”.
In gioventù sono stato tra i fondatori del WWF di Vicenza ed ho ricoperto la carica di consigliere nazionale dell’associazione. Sono stato tra i fondatori dell’Associazione Italiana Energia dal Legno (AIEL), dell’European Agroforestry Federation (EURAF), dell’Associazione Italiana per l’Agroforestazione (AIAF) e del Centro Italiano per la Riqualificazione Fluviale (CIRF).
Oggi sono direttore della direzione Innovazione e Sperimentazione di Veneto Agricoltura, un’Agenzia della Regione del Veneto. Rappresento Veneto Agricoltura nel consiglio direttivo del Consorzio Legno Veneto; sono presidente di ANARF (Associazione Nazionale Attività Regionali Forestali), membro del comitato esecutivo di EUSTAFOR (European State Forest Organisation) ed amministratore della Fondazione Alberitalia.
Sono membro dell’Accademia Olimpica dall’anno 2.000 ed attualmente sono presidente della classe di Scienze e Tecnica.
Sono infine vicepresidente del Centro di Cultura e Civiltà Rurale, Biblioteca Internazionale “La Vigna” di Vicenza. 
 
TOMMASO MORBIATO Fondatore, Amministratore Delegato e Responsabile Ricerca e Sviluppo di Windcity srl, laureato in Ingegneria Civile con una tesi sull'aeroelasticità delle strutture nel 2002, Dottorato di Ricerca in Meccanica delle Strutture nel 2008, responsabile delle attività R&S e coordinatore scientifico di progetti di ricerca e innovazione nel settore dell'eolico urbano, è anche titolare del corso Design di Sistemi presso il Parco Scientifico e Tecnologico Galileo, e ha presieduto un gruppo di lavoro della Cooperazione Europea in Scienza e Tecnologia. Grazie al suo brevetto per la conversione di energia da flussi variabili ha ricevuto riconoscimenti nazionali e internazionali (tra cui StartUp Europe Award e Seal of Excellence della Commissione Europea, Edison Pulse EDF, Progetto Marzotto, Climate KIC dell'Istituto Europeo di Innovazione e Tecnologia, Premio Fondazione Sviluppo Sostenibile, Premio Italia per il Clima).
 
GIANNI SILVESTRINI ha svolto attività di ricerca presso il Cnr e il Politecnico Milano, dove è responsabile del master “Ridef – reinventare l’energia”.
È stato direttore generale del Ministero dell’ambiente e consigliere del Ministro Bersani al Mise.
Attualmente è direttore scientifico del Kyoto Club, di QualEnergia e presidente di Exalto Energy&Innovation.
Tra le pubblicazioni, Che cos'è l'energia rinnovabile oggi, Edizioni Ambiente, 2022. 
 
ANTONELLA PIETROGRANDE è il coordinatore del Gruppo Giardino Storico dell’Università di Padova per il quale si occupa del progetto scientifico e dell’organizzazione dell’annuale corso di aggiornamento sulla cultura del giardino e del paesaggio dal 2003. È membro dell’International Scientific Committee on Cultural Landscapes ICOMOS-IFLA. Ha sostenuto vari incarichi didattici presso università italiane e straniere. Ha pubblicato un vasto panorama di saggi dedicati alla storia del giardino e del paesaggio, in particolare veneto, approfondendo i rapporti fra giardino, teatro e letteratura. È autrice del volume I giardini di Reitia. Storia e tipologie dei giardini del Parco dei Colli Euganei, Grafica Atestina, Padova 1998. Ha curato i volumi Il giardino e la memoria del mondo (con G. Baldan Zenoni-Politeo), Olschki, Firenze 2002; Per un giardino della Terra, Olschki, Firenze 2006 e la riedizione (con Gilberto Pizzamiglio) delle Operette di varj autori intorno ai giardini inglesi ossia moderni. Con l’aggiunta del discorso accademico sul giardino di Vincenzo Malacarne, EUT Edizioni Università di Trieste, 2010. Ha coordinato, e in parte redatto, la sezione dedicata al Veneto del volume L’Italia dei giardini. Viaggio attraverso la Bellezza tra Natura e Artificio, Touring Club Italiano – APGI, 2016. Dal 2020 collabora con la Radio Svizzera Italiana.   
 
 
 
Consigli di lettura per il corso 2023
 
Gianni Silvestrini, Che cosa è l’energia rinnovabile oggi, Edizioni Ambiente, Milano, 2022
 
Giuseppe Barbera, Paesaggio e rinnovabili: una necessaria alleanza, in Gianni Silvestrini, Che cosa è l’energia rinnovabile oggi, Edizioni Ambiente, Milano 2022
 
Tiziana Maffei, Tipologie e trasformazioni dal XVI al XIX secolo, in Alberta Campitelli, Alessandro Cremona, Tiziana Maffei, Frammenti di Paradiso. Giardini nel tempo alla Reggia di Caserta, Colonnese, Napoli, 2022
 
Sven Stremke, Dirk Oudes, Paolo Picchi, The Power of Landscape. Novel Narratives to Engage with the Energy Transition, in conjunction with: Academie van Bouwkunst Amsterdam, Wageningen University, nai010 publishers, Rotterdam, 2022
 
Vaclav Smil, Energia e civiltà. Una storia, Universale scientifica HOEPLI, Milano 2021
 
Franco Panzini, Progettare la natura. Architettura del paesaggio e dei giardini dalle origini all’epoca contemporanea, Zanichelli, Bologna, ristampa 2021
 
Andrea Bruciati, Villa d’Este a Tivoli, Sagep Editori, Genova, 2021
 
Viviana Ferrario, Letture geografiche di un paesaggio storico. La coltura promiscua della vite nel Veneto, Cierre Edizioni, Verona, 2019
 
Martina Massaro, Palazzo Treves dei Bonfili e il suo giardino, Il Poligrafo, Padova, 2019
 
Nicoletta Ferrucci, Marco Brocca, Il paesaggio agrario: dal vincolo alla gestione negoziata, Franco Angeli, Milano, 2019
 
Patrizia Marzaro, L'amministrazione del paesaggio. Profili critici ricostruttivi di un sistema complesso, Giappichelli, Torino, 2011
 
Daniela Moderini, Bernardo Secchi e Edoardo Zanchini, Smisurati giganti? Alinea, Firenze, 2011
 
Alessio Battistella, Trasformare il Paesaggio. Energia eolica e nuova estetica del territorio, Edizioni Ambiente, Milano, 2010
 
Fabio Caporali, Enio Campiglia, Roberto Mancinelli, Agroecologia. Teoria e pratica degli agroecosistemi, CittàStudi, 2010
 
Giupponi C., Galassi S., Pettenella D. (a cura di), Definizione del metodo per la classificazione e quantificazione dei servizi ecosistemici in Italia. Verso una strategia nazionale per la biodiversità: i contributi della conservazione ecoregionale, Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, 2009
 
Michael Jakob, Il paesaggio, Il Mulino, Bologna, 2009
 
Francesco Vallerani (a cura di), Dalle praterie vallive alla bonifica. Cartografia storica ed evoluzione del paesaggio nel Veneto Orientale dal 500 ad oggi, Portogruaro, Consorzio di Bonifica tra Livenza e Tagliamento, 2008
 
Ida Giannelli (a cura di), Il giardino delle sculture fluide di Penone, Allemandi, Torino, 2007
 
Marcello Magoni, Energia e paesaggio al tempo dei cambiamenti climatici, www.corp.at/archive/ppt/CORP2013_SLIDES49.pdf
 
Servizi ecosistemici pdf., su www.isprambiente.gov.it
 
Agroforestazione pdf., su www.venetoagricoltura.org 
 
 
Fondamenti
 
ARTICOLO 9, COSTITUZIONE ITALIANA
“La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica.
Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione.
Tutela l’ambiente, la biodiversità e gli ecosistemi, anche nell’interesse delle future generazioni. La legge dello Stato disciplina i modi e le forme di tutela degli animali.”
 
ARTICOLO 41, COSTITUZIONE ITALIANA
“L'iniziativa economica privata è libera.
Non può svolgersi in contrasto con l'utilità sociale o in modo da recare danno alla salute, all’ambiente, alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana.
La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l'attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali e ambientali.”
 
Segnalazioni

COLLI EUGANEI - Padova - Veneto, 1971-2021: 50 anni dalla legge speciale che ha fermato la diffusione fuori controllo delle cave!! Un anniversario passato sottovoce che ci aiuta a ritrovare un punto di partenza fondamentale, sicuramente ancora da valorizzare: Gianni Sandon, Colli Euganei. Proposte per il Parco, 1993!!

 
 
Sempre aggiornati e ricchi di informazioni "botaniche", questi siti di riferimento: