Benvenuto nel sito del giardino storico

Benvenuto nel sito del giardino storico

Benvenuto nel sito del giardino storico

Benvenuto nel sito del giardino storico

XXXII CORSO DI AGGIORNAMENTO SUL GIARDINO STORICO E SUL PAESAGGIO CONTEMPORANEO
GIULIANA BALDAN ZENONI POLITEO 2022 
 Gruppo Giardino Storico-Università di Padova
Aspetti storici, paesaggistici, letterari, architettonici, economici, botanici e ambientali
 
 
Presentazione del nuovo corso per l'anno 2022
giovedì, 2 DICEMBRE 2021, ORE 17
piattaforma ZOOM dell’Università di Padova 
 
Nelle foreste della città. I nuovi paesaggi dell’Antropocene 
dedicato a GIULIANO SCABIA, cantore di foreste, uomini e lupi
 
foto di Serge Briffaud, Cap La Houssaye - Feu de savane - Ravine Fleurimont,
Isola de la Rèunion, settembre 2021
 
Chi voglia seguire la presentazione
può chiedere per tempo il link di connessione
a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
La traccia tematica 2022
In questo periodo di grande incertezza, a seguito delle improvvise crisi economica e sanitaria che hanno investito le società a livello globale, resta dominante l’incombere sui nostri luoghi di vita del cambiamento climatico, della fragilità ambientale e della continua perdita di biodiversità. 
Mutamenti così radicali hanno svelato la precarietà dei nostri sistemi urbani, mettendo in luce la necessità di un disegno di rigenerazione e riqualificazione mediante profonde trasformazioni che riducano l’impatto ambientale, contengano la dissipazione delle risorse naturali e creino una nuova relazione fra luoghi e persone. Si parla sempre più di attività di riforestazione, dentro e fuori le aree metropolitane. Dopo una lunga colonizzazione antropica, indifferente ai siti e alle impronte ecologiche, le città stanno ora imboccando la strada della naturalizzazione, rivalutando il ruolo degli alberi nel ciclo ambientale urbano e convertendo le loro superfici mineralizzate, coperte di cemento, in aree vegetali. Si realizzano giardini ecologici e si evolve l’idea di parco che non è più inteso solo come giardino, luogo del verde e della natura, ma anche come occasione per riparare i danni dell’inquinamento, per recuperare aree marginali e luoghi interstiziali.
Mentre si sta sviluppando un nuovo immaginario, peculiare della nostra epoca, di fascinazione per la biofilia e per la vita nel verde, nasce il concetto di ‘città selvatica’, si discute di ‘foreste urbane’ e di ‘micro-foreste’. Tutto ciò si ripercuote nel paesaggio urbano, perché città e foresta sono due mondi antitetici da integrare. Ma come? Quali sono le visioni culturali adottate nelle trasformazioni e riqualificazioni?
Il XXXII Corso esaminerà alcuni aspetti di queste trasformazioni in atto, invitando a una riflessione che potrà essere utilmente approfondita andando a ritroso nella storia, a partire da quella dell’arte dei giardini, al centro di un dibattito sul bosco e sulla foresta. Riteniamo infatti che, senza togliere alle città la loro dimensione di spazi vivi, dinamici, capaci di adattarsi alle esigenze della contemporaneità, l’attuale approccio nei confronti della natura non debba ignorare l’esperienza, l’abilità e le parole ereditate dalla tradizione dell’arte dei giardini. La storia può essere utilizzata oggi dai paesaggisti con uno sguardo moderno, capace di inventare il nuovo paesaggio: il bosco infatti, per le sue caratteristiche ecologiche, figurative e narrativo-poetiche, è stato ed è un elemento compositivo importante nelle strutturazioni a verde.
Ci si chiederà anche se il fatto di sottomettere i paesaggi all’imperativo del corretto stato ecologico e del mantenimento della biodiversità sia sufficiente per conservare e conferire loro un senso, provando a concepire dei dispositivi che permettano di pensare e insieme di conciliare le dimensioni simboliche e culturali con quelle ecologiche dei paesaggi.
ANTONELLA PIETROGRANDE, coordinatrice responsabile dei corsi del Gruppo Giardino Storico Università di Padova
 
 
Segnalazioni di lettura per il corso 2022
- Giuseppe Barbera, Il giardino del Mediterraneo. Storie e paesaggi da Omero all’Antropocene, Il Saggiatore, Milano, 2021
- Paolo Cornaglia, Il giardino francese alla corte di Torino (1650-1773). Da André Le Nôtre a Michel Bernard, Olschki, Firenze, 2021
- Francesco Ferrini, Ludovico Del VecchioResistenza verde. Manuale di autodifesa ambientale, Elliot, Roma 2021  
- Franco Panzini, Progettare la natura. Architettura del paesaggio e dei giardini dalle origini all’epoca contemporanea, Zanichelli, Bologna, ristampa 2021
- Telmo Pievani, Mauro Varotto, Viaggio nell’Italia dell’Antropocene. La geografia visionaria del nostro futuro, Aboca, Arezzo, 2021
- Francesco Vallerani, I piaceri della villa. Vivere e raccontare la campagna tra abbandoni e ritorni, Le Monnier Università, Firenze, 2021
- Paysages. L’héritage de Le Nôtre, sous la direction de Michel Audouy et Chiara Santini, Actes Sud/École nNtionale Supérieure de Paysage de Versailles-Marseille ENSP, Arles, 2021
- Giardini storici, verità e finzione. Letture critiche dei modelli storici nel paesaggio dei secoli XX e XXI, a cura di Monique Mosser, José Tito Rojo, Simonetta Zanon, Fondazione Benetton Studi Ricerche Antiga, Treviso, 2021
- Italie. Viaggio nelle trasformazioni del Bel Paese, a cura di Bianca Maria Rinaldi, il Mulino, Bologna, 2020
- La città selvatica. Paesaggi urbani contemporanei, a cura di Annalisa Metta e Maria Livia Olivetti, Casa editrice Libria, Melfi, 2019
- Daniele Zovi, La grande foresta. Storia dei boschi dell’Altopiano di Asiago. Con un’appendice di Giustino Mezzalira, Un futuro per i boschi dell’Altopiano, Edizioni Rigoni di Asiago, 2017
- Laura Zampieri, Per un progetto nel paesaggio, Quodlibet, Macerata, 2012
- Giuliano ScabiaLe foreste sorelle, Einaudi, Torino, 2005
- Giuliano ScabiaNane Oca, Einaudi, Torino, 1992
 
 
 
SEGNALAZIONI
 
25-26 novembre 2021, Firenze
ANTONELLA PIETROGRANDE, coordinatrice responsabile dei nostri corsi di formazione, interviene al convegno internazionale 1981-2021 Giardini Storici. Esperienze, ricerca, prospettive a 40 anni dalle Carte di Firenze, promosso da Università di Firenze, Fondazione Nazionale Collodi-Politecnico di Torino, Ecòle Nationale Supèrieure de Versailles, con la relazione Ricerca e divulgazione su giardino e paesaggio: la trentennale esperienza padovana.
 
27 novembre 2021, Teatro di villa Belvedere, Mirano (Venezia), 15.30 "GREEN PASS obbligatorio"
MARGHERITA LEVORATO - Gruppo Giardino Storico Università di Padova tiene la relazione-visita La straordinarietà di grotte e castelletto  nel giardino Belvedere. Raffronti, nell'ambito degli incontri Percorsi sul patrimonio storico-culturale della villa veneta, promosso da Italia Nostra-Mirano.