Benvenuto nel sito del giardino storico

Benvenuto nel sito del giardino storico

Benvenuto nel sito del giardino storico

Benvenuto nel sito del giardino storico

XXXI CORSO DI AGGIORNAMENTO SUL GIARDINO STORICO E SUL PAESAGGIO CONTEMPORANEO
GIULIANA BALDAN ZENONI POLITEO 2021 
 Gruppo Giardino Storico-Università di Padova
Aspetti storici, paesaggistici, letterari, architettonici, economici, botanici e ambientali
 
Cammini di terra e acqua. Il paesaggio lento
dedicato a PAOLA LANZARA, maestra di alberi e giardini  
 
Per continuare a condividere il patrimonio di idee e stimoli alla ricerca di una relazione più consapevole con la Terra, nel 2021 svolgeremo il nostro nuovo corso di aggiornamento ancora grazie all'Università di Padova che ci ospiterà nella sua piattaforma Zoom, come nel 2020. Grazie a questo fondamentale supporto e alla completa e generosa adesione dei relatori abbiamo quindi la possibilità di continuare il nostro lavoro di comunicazione attraverso i corsi di formazione annuali.
 
Per partecipare seguire le indicazioni "Chi siamo - Iscriversi al corso"
 
13 MAGGIO 2021 - ore 17
piattaforma ZOOM dell'Università di Padova
 
Ancora sulla pratica del "paesaggio lento"
 
ENRICO BUONINCONTRO - New York University Firenze
FRANCO PANZINI - Università IUAV Venezia
 
Verso la Montagna Pistoiese, foto di Enrico Buonincontro
 
 
Paesaggi interiori. Viaggio sulla Montagna Pistoiese
Il paesaggio è formato da montagne, colline, pianure, fiumi, alberi ma anche da noi che lo viviamo. Il paesaggio interiore è il nostro sguardo sulla realtà in base a come la percepiamo. I nostri occhi si posano su ciò che ci circonda attraverso le nostre emozioni. Non solo quelle che ci danno serenità, ma anche quelle che creano un tormento interiore. Un viaggio attraverso i luoghi amati e familiari diventa l’occasione per riscoprire se stessi, per dialogare con il proprio io più profondo. Si può vedere un paesaggio attraverso la poesia? Può un fiore dialogare con noi? Si può percepire la vita di altre persone attraverso i segni apparentemente silenti lasciati intorno a noi? Ognuno di noi ha la propria risposta a queste domande, ma possiamo fare insieme un viaggio attraverso la storia e la vita di un luogo.
Enrico Buonincontro  
 
El Camino Real
Dalla località di Loreto, posta sulla riva del Mar di Cortez, nella Baja California, la California meridionale messicana, parte un itinerario scandito da una catena di missioni, poste ad una giornata di cammino a cavallo l’una dall’altra, e fondate da missionari dapprima gesuiti e poi francescani. A collegare tutte le missioni era un percorso che risale gli stati messicani di Baja California e Baja California Sur e poi quello che è oggi lo stato americano della California. L’itinerario, detto il Camino Real, congiunge Loreto, insediamento fondato nel 1697, a San Francisco Solano de Sonoma, posto nella valle divenuta poi celebre per la vinicoltura, fondato nel 1823. Dalla presenza delle missioni lungo il percorso ebbero origine grandi città che ancora portano il nome (semplificato) di quei primi insediamenti: San Diego, Los Angeles, San Francisco. Il Camino Real de la Baja e Alta California, attraverso la semplice architettura delle sue missioni, ha ispirato l’identità culturale della California e il suo paesaggio moderno. Inoltre, nell’area settentrionale a nord della missione gesuita di San Ignacio si estende isolata e selvaggia la Sierra de San Francisco, dove si trova uno dei siti di arte rupestre più importanti del pianeta, patrimonio UNESCO. Impresse sulle pareti di canyon raggiungibili solo con un difficile percorso a dorso di mulo, le raffigurazioni, spesso sovrapposte, sono state datate ad un periodo tra il 1100 a.C. ed il 1300 d.C. Vennero per la prima volta viste da un gesuita nel corso del XVIII secolo, quando le popolazioni di cacciatori nomadi che le tracciarono sulle rocce erano scomparse da lungo tempo: l’inaccessibilità dei luoghi e il clima secco hanno contribuito a preservarle.
Franco Panzini
 
Nato a Firenze nel 1979, ENRICO BUONINCONTRO si laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli Studi di Firenze nel 2006 con una tesi su Amintore Fanfani. Dopo un Master in Conservazione e Gestione dei Beni Culturali, conseguito presso l'Università di Siena nel 2008, si avvicina al fundraising e alla gestione degli enti non profit frequentando, nel 2009, un corso di alta formazione diretto da Valerio Melandri presso l'Università di Bologna. E' in quegli anni che riscopre una passione che aveva già coltivato negli anni dell'università: il volontariato. Nel settembre 2010, aderisce alla Fondazione Angeli del Bello di Firenze e nel marzo 2011 è tra i fondatori del gruppo di volontari che tuttora si occupano della manutenzione del Parco di Villa Stibbert. Crede fermamente nel coinvolgimento attivo dei cittadini nella gestione dei beni comuni e nel ruolo che i giovani possono svolgere nella società grazie al volontariato.  Dal 2015 è il Community Engagement e Leadership Development Coordinator della New York University di Firenze. Si occupa delle relazioni con la comunità fiorentina e lavora con giovani studenti stranieri per aiutarli a scoprire i propri talenti. Da sempre appassionato di montagna e di natura, nel 2017 scopre quasi per caso la sua passione per i cammini di più giorni. Uno di questi, il Cammino di San Bartolomeo, passa proprio accanto alla sua casa di Abetone. Ne percorre abitualmente più tratti, in tutte le stagioni dell’anno, scoprendo come ogni nuova esperienza non sia mai uguale alla precedente.
 
FRANCO PANZINI, architetto e storico del paesaggio, è stato docente a contratto presso varie università italiane e internazionali, e ricercatore residente presso l'Istituto di studi di storia del paesaggio e del giardino di Dumbarton Oaks, Washington (Harvard University).
Ha pubblicato numerosi libri sulla storia del giardino e degli spazi verdi urbani, fra i quali: Giardini storici. Teoria e tecniche di conservazione e restauro, Officina 1985 (2a ed.1989, 3a ed.1996); Per i piaceri del popolo. L'evoluzione del giardino pubblico in Europa dalle origini al XX secolo, Zanichelli 1993, (il libro ha ricevuto il premio internazionale Grinzane Hanbury Botanic Gardens); Giardini delle Marche, Federico Motta 1999; Progettare la natura, Zanichelli 2005, edizione in portoghese rivista e ampliata Projetar a natureza, Senac - São Paulo 2013; Prati urbani. I prati collettivi nel paesaggio della città / City meadows. Community fields in urban landscapes, Fondazione Benetton Studi Ricerche / Artiga Edizioni, 2018.
Fra I suoi saggi più recenti: Pines, Palmes and Holm Oaks: Historicist Modes in Modern Italian Cityscapes, in Modernism and Landscape Architecture, 1890–1940, National Gallery of Art-Yale University Press 2015; Working with architects: collaborations, 1937-60, in Pietro Porcinai and the Landscape of Modern Italy, Ashgate 2015; Las Geometrias del Agua in, Burle Marx. Paisajes del Agua, TC Cuadernos 2015; Chandigarh, ciudad de los árboles, in Paisaje Con+Texto, Eug 2016; Pietro Porcinai. Paesaggi per i luoghi di lavoro in Materiali del Moderno, Cangemi 2017. 
Ha tenuto conferenze su temi di paesaggio in università di vari paesi (Argentina, Brasile, Canada, Francia, Giappone, India, Israele, Italia, Olanda, Spagna, StatiUniti) e istituzioni culturali.  
È membro della Associazione Italiana degli Architetti del Paesaggio (AIAPP) e della Society of Architectural Historians (SAH); rappresentante regionale di APGI (Associazione Parchi e Giardini d'Italia); membro del comitato direttivo della Associazione Pietro Porcinai. È autore di progetti di parchi pubblici e di restauro di giardini storici. 
 
 
 LETTURE CONSIGLIATE per il CORSO 2021
 

Éric AlonzoL’Architecture de la voie. Histoire et théories, Éditions Parenthèse, 2018 

Francesco CareriWalkscapes. Camminare come pratica estetica, Einaudi 2006 
Arnold EschViaggio nei Paesaggi Storici Italiani, Leg Edizioni, 2020 
Ivan IllichElogio della bicicletta, Bollati Boringhieri 2006 
Antonio MazzettiLa flora dei colli Euganei, Editoriale Programma 1992 
Antonio MazzettiI nomi della terra. Toponomastica dei colli Euganei, Cierre Edizioni 2020 
Paolo PileriProgettare la lentezza, People Idee, 2020 
Jean Jacques RousseauLe fantasticherie del passeggiatore solitario, Feltrinelli 1996 
Gianni SandonGuida all’anello ciclabile dei colli Euganei e dintorni, La Galiverna Editrice 2014 
Henry David ThoreauCamminar
Francesco ValleraniVie d’acqua del Veneto. Itinerari tra natura e arte, La Galiverna, 1983
Francesco ValleraniAcque a nordest. Da paesaggio moderno ai luoghi del tempo libero, Cierre Ed., 2004
Francesco ValleraniTra Colli Euganei e Laguna Veneta. Dal Museo della Navigazione al turismo sostenibile, Regione Veneto, Adria Muse, 2013   La Romea Strata. Vie di pellegrinaggio dal Nord-est Italia verso Roma, Touring Club Italiano 2019 
 
SITI WEB da CONSULTARE per il corso 2021
 
Il Museo del Camminare ha sede a Venezia. Da questo sito si può scaricare gratuitamente in pdf: Gian Paolo Chiari, La passeggiata Italiana. Una storia culturale, © Gian Paolo Chiari 2019 per il Museo del Camminare, Venezia
 
 
 
 
 
 
 
 
 
SEGNALAZIONI
 
*
Appoggiamo il movimento FRIDAYS FOR FUTURE, nato dall'iniziativa della sedicenne svedese Greta Thunberg, che ha mobilitato giovani, adulti e scienziati di tutto il mondo nella manifestazione epocale pacifica GLOBAL STRIKE FOR FUTURE, avvenuta ovunque possibile il 15 marzo 2019, per chiedere ai governi iniziative per tutelare le risorse ecologiche della Terra!
 
*
APPELLO per segnalare giardini storici italiani (progetti e opere) in abbandono e sollecitarne la salvaguardia!
info su www.aaa-italia.org, Associazione Nazionale Archivi Architettura Contemporanea